East and West

Changing the world, by changing ourselves....…

Benvenuti su East and West !Eastandwest logo

Chi Siamo?

Siamo un gruppo di persone che lavorano interiormente allo sviluppo personale etico e spirituale.

Ci riuniamo in spirito una volta al mese per fare assieme degli esercizi di natura interiore.

Lo scopo è produrre una forza che genera miracoli.

Questa si inserisce nel divenire del mondo, per il bene dell’umanità (non per motivi personali).

Il lavoro in comune mensile dura 30 minuti, il primo sabato del mese.

Come preparazione all’intervento spirituale, si fissa ogni mese una lettura preparatoria da leggere ed approfondire.

Ogni partecipante, a turno, è invitato a proporre la lettura del mese nonché gli esercizi del mese seguente. 
Questi devono pervenire all’email di contatto qui sotto imperativamente 10 giorni prima dell’inizio del mese di riferimento.

Chiunque voglia iscriversi è libero di farlo, per mezzo della pagina di contatto; Sarebbe preferibile un impegno di partecipazione per una durata minima di tre mesi.

Naturalmente chiunque voglia eseguire il programma mensile proposto su una base settimanale, o addirittura giornaliera, è libero di farlo. 

C’è chi pensa che nel mondo di oggi occorra
 qualcosa in più della semplice preghiera, o della partecipazione alla messa.

Ecco dunque una proposta operativa.

———————————

IL MALE E LE SUE ARMI C./ L’ETICA CHE PENETRA


Introduzione
Il presente documento era già in corso di preparazione quando sono intervenuti gli avvenimenti della notte del 14 luglio 2016 coll’attentato a camion contro la folla che guardava i fuochi d’artificio lungo il mare a Nizza; lasciando oltre 80 defunti e diversi feriti dopo avere proseguito uccidendo tutti, famiglie con bambini ecc. lungo due chilometri.

Ci si può chiedere se la stagione nella quale si è prodotto questo ennesimo attacco alla civiltà occidentale, non sia un giudizio da parte dello spirito, visto che si è prodotto nel periodo della S. Giovanni, quando capeggia l’epoca l’arcangelo Uriele, che giudica il bene ed il male….

Ma la questione del male, la sua analisi e quanto propongo di fare non cambia per niente.


Analisi
Ringrazio Piero Cammerinesi per avere attirato l’attenzione al volume OO 178 di Rudolf Steiner, che contiene 12 conferenze, delle quali 2 dietro le quinte, 3 su medicina geografica, 2 sulla psicanalisi, 3 sul ritorno del Cristo, e 3 sull’abuso della sapienza. Di queste solo una è disponibile in Italiano.

Rivelano un compito importante dello spirito: capire cose vuole ottenere il male, per meglio limitarlo.

Non sempre è possibile evitarlo, come non è possibile evitare le malattie, tra le quali annovero anche il materialismo. Quello è un errore, come credere che non si possa veder chi ha ucciso un altro dalla luce che manca nello sguardo.

Ma le malattie di tipo cronico a lunga scadenza portano al essere umano una luminosità e resistenza maturata: e lo stesso si produrrà per il materialismo, tappa inevitabile della storia umana.

È già mezzo secolo che il terrorismo uccide gli uomini senza discriminazione di chi sono: perché la visione dell’uomo materialista è quello di una formica e non di un individuo dotato di volontà libera ed autodeterminata.


Esempio del terrorista defunto
Per capire meglio, ecco quanto succede quando uno muore normalmente (possiamo fare leva sui resoconti di quei pochi che hanno sopravvissuto dopo essersi avvicinati alla morte):

Si vede la vita passata come un enorme quadro, e poi si cade nel buio. In lontano si vede una luce (almeno la vedono chi è credente). Tutto inizia quando ci si avvicina alla luce dove ci si può fondere, e nella quale ci sono i propri defunti collegati dall’amore nella vita, e la figura del Logos.

Poi, secondo lo Steiner, inizia tutto col deporre il corpo eterico, quando ci si rivive la vita passata per il tempo equivalente del quale si ha dormito (ovvero circa 8 ore su 24) ma invece di viverla come l’abbiamo vissuto noi, la viviamo come la hanno vissuto gli altri: sentiamo ogni schiaffo dato, ogni carezza ecc. nei loro effetti. Questo è per educarci all’etica e per decidere come fare la prossima volta.

Al contempo, si sentono le voglie che non abbiamo saputo domare come una sofferenza: si ha voglia forse di una sigaretta, ma nessun modo per fumare; si ha voglia di bere, ma nessun modo per dissetarsi, ed il peggio è il caldo terribile che non si può diminuire, o il freddo che non si può riscaldare. Ma noi vivi, possiamo inviare ai nostri defunti dell’amore che serve appunto per riscaldare o rinfrescare, per mezzo di meditazioni concepite apposta….

Dopo ci si va nel mondo delle gerarchie (se si ha sviluppato una coscienza tale da permetterne una visione). Lo si fa lo stesso, ma se la visione non è sufficiente (es. un materialista) non si vede e non si capisce nulla: si subisce e basta. Secondo Steiner si torna poi a rivivere in terra, applicando le lezioni apprese durante il percorso per la vita passata, per compensare il tutto (il che si chiama karma).

Ora guardiamo quello che si fa col terrorista, prendendo il caso da certi defunti seguiti dal 9/11 in poi: loro si fanno indottrinare (lavaggio di cervello) e in Islam servono le tecniche usate nei Madrasa (scuole Islamiche dove si insegna a memorizzare i Corano in Arabo – anche a chi non lo parla).

Per i terroristi Islamici (ricordiamo che nell’Islam non c’è nessun concetto di reincarnazione) si va direttamente in paradiso se si diventa martiri, morendo per Islam. Il paradiso è molto sensuale, e si promettono decine di vergini da seviziare, ogni piacere della carne possibile ed immaginabile.

È forse utile ricordare che fu il modello per la setta degli Assassini che hanno creato un tale giardino qui in terra ad Al Alamuth, che poi toglievano ai giovani dopo averlo fatto sperimentare, per mandarli dopo in missione. Pur di poterci tornare, questi erano disposti a tutto, e appunto terrorizzavano tutti perché non avevano più scrupoli.

Nella versione moderna, il paradiso islamico è promesso, ed il lavaggio di cervello si fa, ed ecco il terrorista che compie l’atto uccidendo gli “infedeli”. Ma invece del paradiso Islamico che si trova attorno a lui? Altre anime in uno stato di choc, ma ostilissime, perché sono state strappate dal loro destino individuale (generato per compensare come sopra) nel buio colla luce in lontananza….

Occorre un lavoro di grande intensità per poter trovare modo per aiutare le anime dei terroristi a raggiungere la luce ed iniziare il viaggio per compensare la vita passata. Loro si sentono traditi ed isolati, e o si fermano lì, totalmente paralizzati e dunque pronti ad essere sfruttati spietatamente da chiunque sa e vuole, oppure insistono a ripetere il Corano a più non posso, senza capire niente di niente, subendo col tempo ogni esperienza di cui sopra, ma senza nessunissima comprensione.

Per i materialisti, che non hanno una visione tale da poter oltrepassare il buio, accade qualcosa di simile ma meno grave; loro sono sempre alla mercè di chi sa e vuole, e subiscono senza capire, ma non hanno le sofferenze terribili che vengono dal subire in prima persona gli effetti di quanto si ha fatto per uccidere…


Il retroscena in occidente
Importa sapere come fanno certi, non per indicare chi sta all’origine della congiura, ma perché conosciuta la tecnica usata, le forze dell’Avversario scappano (vedere fine dei drammi di RS). Questo è stato confermato di prima persona in diverse occasioni. Per questo è importantissimo comunicare e diffondere queste informazioni.

È notevole la tecnica rivelata nelle conferenze di cui sopra, di certi gruppi mal-intenzionati di mandare nell’al di là persone che muoiono prematuramente, per organizzare il potere loro e per poter vedere quanto succede post-mortem.

Per coloro che vedono le congiure ovunque, è forse opportuno segnalare che se certi uomini potenti ed intelligenti si mettono a fare il gioco degli avversari dell’uomo, non è certamente perché è nel loro vero interesse, ma perché, per quanto essi si ritengano scaltri e migliori degli altri, si sono fatti ingannare dalle potenze nemiche: e non se ne rendono affatto conto.

Per ottenere maggior controllo, coloro scelgono i materialisti, perché questi non hanno la scelta di elevarsi dall’ambito della terra dopo la morte. Non hanno questa scelta perché in sintesi si trova dopo la morte quello che si ha pensato da vivi: e loro sono prigionieri della propria mancanza di visione.

Chi è capace di seguirli vede che essi diventano potenze distruttrici, appunto perché sono come accecate, e non sono in grado di capire gli impulsi che sono offerti loro: invece subiscono tutto, e tornano da neonati stressatissimi, con condizioni di tipo iperattivo (ADHD), e simili.

A quei gruppi occorre una visione dell’umanità come tante formiche e di non riconoscere il valore dell’Io individuale (portatore del Logos). È per questo che si oppongono al Logos che si presenta ora nell’eterico, e vogliono sostituirlo con un essere loro, basato sul Doppio Arimanico, che poi formerà il vero Anticristo.

Si prepara la venuta fisica dell’anticristo in Occidente con mezzi come questi: e con il legare i defunti troppo alla sfera terrena per mezzo del materialismo, in modo da servire come fonte di potenza alle logge d’occidente. In tal modo il Cristo dovrà lottare per ottenere il dominio della terra, perché quelle logge vogliono strapparglielo.

Questo spiega moltissimo, in politica ed altrove. Ecco perché in USA c’è una tale resistenza ai limiti al porto d’armi: senza bisogno di fare gli omicidi, si possono sfruttare gli assassinii per scopi illeciti.

Si può anche dubitare che il crimine organizzato che viene dalla proibizione della droga (come negli anni 30 con l’alcool) sia pure esso voluto: ad ogni modo fa comodo a chi non ha scrupoli poter comandare assassinii e prostitute a volontà, quando serve.

E poi il potere per far passare immigrati clandestinamente di ogni genere per gli scopi più vari immaginabile, serve pure, specie se è fonte di enorme guadagno – sempre collo stesso modello della proibizione.

Il gioco diventa ancora più sporco quando si guarda il ruolo dell’USA nella politica mondiale, fomentando ipocritamente i conflitti (vendendo armi a più non posso), ma senza intervenire direttamente.

Da loro il triplice ideale dell’umanità identificato da Goethe viene distorto: invece di cercare Iddio ovunque (come da chi fa bene gli esercizi della scienza dello spirito) loro cercano invece l’Oro.

Da adoratori della divinità diventano adoratori di Mammon: e guardate quanti hanno trascinato nella loro schiera! È vero che nella materia l’oro sta come il pensiero di Dio, ma la differenza c’è: eccome!

Invece del Graal come esperienza di un amore che trasforma l’umano, per potenza sacra, dove l’uovo e seme sono fecondati dal cosmo, coloro, da bravi materialisti hanno solo un’ esperienza di sesso che vede solo uovo e seme: e niente del resto.

La Virtù dovrebbe esser l’ideale dell’etica. Essa è difficile da ottenere perché quando ci si tenta, i difetti si arroccano in una zona intoccabile e bisogna un lavoro costante ed umile per trasformarsi per via dell’amore, “Cristificando” le virtù per azione del Logos in noi. Si lavora su di sé e non ha senso criticare gli altri perché ci riconosciamo portatori dei propri difettoni.

Gli altri gruppi hanno sostituito la Sanità (corporea). In questa idea distorta, si pensa che il bene possa venire dall’ingerire sostanze or dal modo igienico di vivere. Chi non si conforma è eliminato come meno abile: scartato, o messo da parte come un rifiuto. È bello per chi “vince” ma serve in realtà solo per sfruttare/dominare gli altri.

La terza meta umana è l’immortalità. Essa dovrebbe intendersi come dimensione dell’essere che noi siamo: quello che portiamo in noi come nocciolo al centro del nostro io: il Logos. Questo è la nostra meta; scoprire l’immortale in noi stessi, per un giorno diventarlo per davvero, trasformandoci.

Al luogo di questo, c’è il simulacro del prolungamento della vita terrestre. Si vuole vivere sempre più a lungo in un mondo terrestre dove la vita fisica è concepita come il paradiso. È un paradiso solo per la natura animale: dove ogni istinto viene soddisfatto, altrimenti che paradiso sarebbe?

Per mezzo di una tale concezione, si opera poi in modo che i materialisti defunti rimangano sempre nella prigionia della loggia pro-materialismo, che potrà così per fare sfruttare le loro forze. Bell’egoismo questo, dove gli uomini “inferiori” sono sfruttati spietatamente, senza curarsi affatto del loro essere, e quello che subiscono.

Quelle logge sfruttano anche l’elettricità e il magnetismo a scopo dell’Anticristo che creano per distrarre l’attenzione delle masse da sfruttare dalla venuta reale del Logos nell’eterico. In Occidente si crea un falso Cristo da contrapporre al Logos eterico (vedere osservazioni precedenti in argomento su www.eastandwest.info).

Quei gruppi aprono il segreto del Doppio anti-cristico, sfruttando il magnetismo particolare dell’America: coloro che hanno viaggiato in quel continente avranno visto qualcosa del gigantismo naturale che viene da quelle forze del luogo.

Appunto questa forza viene sfruttata in quanto viene messa in avanti come un’ideale che dimostra la loro superiorità (che è solo fisica, e poi esagerata con ogni tecnica della biochimica contemporanea). Quei gruppi lavorano col doppio Arimanico con influssi del settore dello zodiaco che provengono dai gemelli: ovvero con le forze che si manifestano nella giornata a mezzogiorno.

Eppure, c’è sempre un impulso che tradisce la natura egoista della loro ispirazione: che è il male della selezione Darwiniana fuori posto. Un esempio chiaro sta nel campo economico, i ricchi sono migliori secondo loro, e quelli non selezionati sono da scartare. Ma la realtà è che essi sono pur sempre uomini ma vengono abbandonati alla loro sorte…

Peggio ancora: dalla zona dei gemelli (zodiaco ancora) si cercherà (secondo lo Steiner) di fare agire i defunti nel funzionamento delle macchine. Non basta che siano vittime del materialismo, che siano strumentalizzate dopo la morte per il potere dei gruppi, ma poi farli anche lavorare al servizio delle macchine: non c’è da stupirsi se si reincarnano stressati con iperattivismo tipo ADHD.


Il medio-oriente
I gruppi occidentali di cui sopra stanno cercando di prendere in mano in medio-oriente il mondo islamico, sfruttando campagne di disinformazione tramite le nuove media (anche esse di origine Americane).

Anni fa, (scusate se parlo ancora delle mie esperienze) prima di venire in Oriente, ho visto di prima persona deli personaggi con altissimi contatti nella (prima) amministrazione Clinton fomentare calunnie e propagarle tramite internet per un tentativo di presa di potere ostile in una scuola internazionale.

Si usava per lo scopo gli email (di cui ho conservato oltre 2000 esemplari per archivio giuridico depositato altrove). La tattica è poi stata sviluppata oltre con i social media (Facebook, Twitter ecc.) per diventare poi quello che si ha chiamato la primavera araba, con le conseguenze (mortali) che conosciamo.

Assistiamo peraltro alla stranezza inspiegabile dei legami tra USA e Al Qaeda, e pure colla Daesh: tutto questo diventa chiaro quando si prende in considerazione quanto sopra.

Si sa da anni nel mondo dell’occultismo che la magia in medio-oriente tendeva ad essere più grigio-nera che non bianca: ecco le conferme. Si vede ora che la tecnica che prima era esclusivamente Occidentale viene adoperata dall’Iraq alla Siria, in Libia, in Afghanistan ecc. e ora anche in Europa: si vede la mondializzazione della morte prematura strumentalizzata.


Le fonti del terrorismo islamico

Da giovane all'Università di Manchester (scusate se parlo di me) avevo scelto come materia secondaria principale per la laurea lo studio delle religioni medio-orientali (ero cabalista e m'interessava il giudaismo).

Per forza ho studiato l'Islam che negli anni 70 era andato in crisi perché nella guerra d'indipendenza del Bangladesh per la prima volta un paese mussulmano si era messo in guerra contro un altro, invalidando il concetto di Islam come nazione che avevano preso dagli ebrei.

Questo fatto fu imputato al l'influenza nefasta del l'occidente, visto ovunque come fonte dell'immoralità.

Infatti questa deriva dal materialismo e come disse Steiner a sua volta questo dal cristianesimo. Ma è stato anche il momento nel quale per la prima volta dopo secoli, si è innalzato il fondamentalismo Islamico. Con le conseguenze ormai note.

Quello che mi ricordo era la vita del profeta che, dopo aver avuto le sue visioni in grotta, è sceso come profeta per la prima volta a predicare ai cristiani. Loro lo hanno mandato a remengo dicendogli in sintesi "noi seguiamo il figlio di dio e tu affermi solo di essere un profeta"....(da allora divento IL profeta che dichiarò dopo di me non ce ne saranno più).

Poi andò dagli ebrei, (o forse sono io che ho invertito l’ordine – ma non importa) che lo rigettarono pure dicendogli grosso modo "non vedi che guai abbiamo già con i cristiani, e ci vieni tu a dire di cambiar direzione" e lo mandarono a quel paese. Da questo è sorta la profonda avversione anti-cristiana ed anti-ebrea dell'Islam.

Eppure nel Corano si dice che non sono degli infedeli ma degli adoratori del vero Dio, ma sotto una forma sbagliata.

Poi Maometto fece qualcosa d’inatteso, dicendo che non sarebbe possibile una ortodossia nell'Islam, e che ogni Imam avrebbe avuto ragione.

Lungo gli secoli, questo non ha potuto evitare le stragi tra le tre grandi suddivisioni di Shia, Sunni e Sufi (quest'ultimi perseguitati come eretici ovunque fuorché in Egitto ed in Turchia.)

Neppure ha potuto evitare le miscele con pratiche Sciamaniche (stregoneria) in diversi paesi dell'Africa.

Invece è di recente invenzione che il Daesh tagli le teste a chiunque non sia con loro, anche se credenti ...

Ma si vede dall'azione in questo senso che infatti c’è un Elohim unico: Yhvh.

Sta cercando di rimanere indietro allo stadio di evoluzione precedente il Golgota per schierarsi contro i 6 Elohim che formano il Logos e collaborare infine con Lucifero, Arimane e Sorath.

Questa è la fera novella che sta venendo a galla dai fatti recenti tra le teste calde in medio ed estremo oriente.




La tecnica diversa in Asia
Al contempo, in Oriente si fabbricano delle false divinità potenziando i cadaveri eterici, in modo che possano diventare abitazione di demoni – e con questo produrre diversi fenomeni che dimostrano la potenza del prete, potenziando frutti e noci, invadendo persone sensibili per mezzo dello stupro spirituale ecc.

Ho personalmente conosciuto diverse persone vittime di tali manipolazioni, vittime perché il loro Io non è ancora sufficientemente forte per combattere. Ed ho assistito alla carica di oggetti fisici (semi, noci) con tali forze eteriche a scopi illeciti.

Lo scopo semplicemente è di produrre tanta appariscenza nel culto che la venuta del Logos eterico passi inosservato. In sintesi, qui in Asia si cerca di distrarre l’attenzione.

In Asia lo scopo è di lavorare colle forze del centauro umano (uomo animale), ovvero colla mezzanotte, che provengono dal sagittario per fuorviare l’Europa orientale che deve preparare la 6° epoca.

La tecnica dei gruppi anti-umani cerca di piazzare forze che lavorano dall’altra parte del cosmo., da quello che si fa in occidente, ma in modo da completarli.

C’è anche una collaborazione con i gruppi dell’occidente, in quanto pure qui il materialismo fa grande irruzione in ogni campo: con l’adorazione di Mammon specie tra quelli che hanno meno di 40 anni.

Per chi vuole una visione spirituale, i gruppi “Cristiani” Americani hanno fatto enormi sforzi qui in Asia: e su di questo vedere anche quanto è stato pubblicato su www.EastandWest.info in precedenza: c’è anche una video messa sulla pagina FB di EastandWest per chi voglia vedere come si presenta….

Quella collaborazione ai danni dell’uomo spiega perché da tutte le parti in Occidente c’è come una promozione dello spirito in modo Asiatico: come se in Occidente non ci fosse lo spirito, e solo in Oriente esistesse qualcosa di valido.

Ma se leggete la letteratura orientale moderna, troverete sempre i stessi temi di combattimento che vedevamo una volta nei filmati del Far West: solo le tecniche hanno cambiato. Non è più il più rapido a tirare fuori la pistola che vince, ma colui che ha il calcio spirituale più potente che vince, ecc. Rimanendo sempre eticamente l’imbecille di una volta….


Eppure, come ho affermato in precedenza, la realtà è che qui l’impulso spirituale è non solo morto, ma è stato abitato da demoni al danno degli esseri umani che diventano loro vittime, per mezzo dello stupro spirituale e peggio.

Tutto questo è stato documentato in precedenza…e ho poco da aggiungere.


Trasformare il male
Secondo lo Steiner lo scopo della nostra epoca sarebbe di trasformare il male in bene per mezzo dell’attività umana. Questo spiega perché siamo confrontati a tanto male.

Osserviamo la tecnica del Logos: non nega né rifiuta i cambiamenti imposti dal male (come la morte sulla croce) ma li sorpassa, per trasformare il loro significato per noi uomini. Ci lascia sempre liberi di scegliere se allearci con lui, mentre il male costringe sempre, e sempre più.

Spetta noi dunque fare qualcosa di simile per quello che riguarda il male al quale siamo confrontati, sia dal terrorismo, sia da qualsiasi altra fonte.

Dobbiamo diventare noi guerrieri del Logos (per l’azione del Logos al centro di noi stessi) e gli avversari sono gli spiriti di Arimane e Lucifero e Sorath. Questi vogliono sempre scappare alla conoscenza umana; dunque sta a noi cercare di mettere in chiaro le loro azioni dove sono più palesi: in noi stessi.

Poi, è nostro dovere comunicare la verità scoperta (nello spirito cosmopolita di Michael) e poi lasciare ad ognuno la piena libertà d’iniziativa. Non è detto che non possiamo suggerire qualcosa di concreti: ed è quello che sto per fare qui sotto.

Comincio col lavoro contro il “doppio” Arimanico: questo lavoro si può anche chiamare lo sviluppo etico personal. Questo si tratta del dominio su di sé tramite discipline: per esempio il sormontare l’ira ed ogni altro difetto d’anima, e non ingannarsi (ipocrisia). È utilissimo avere una sposa/o or un amico/a ipercritico nel farci rigare diritto….

Ma soprattutto è utile fare l’esercizio quotidiano di rivista di memoria per avere un’etica propria e viva, invece di un'altra, anche perfetta, imposta dall’esterno.


Il pane quotidiano
Questa sfera è particolarmente invasa oggigiorno da impulsi anti-umani come sopraindicato. C’è ancora moltissimo da fare per domare gli impulsi economici puri per renderli compatibili col dominio dell’etica: combattere lo spaccio della droga e criminalità, ma anche molto altro.

Ci vorrebbe una divisione del lavoro che non sia basato solo sul perfezionamento del guadagno: sono altri i valori che contano, come il valore etico o creativo, non sempre quello rimunerato/pagabile. Un esempio parlante è quello di un artista che muore di fame, e dopo la morte i quadri vendono per miliardi come il Modigliani.

Quello che si può fare è lavorare assieme in modo cooperativo, ma pure in modo etico, senza abbandonare nessuno: ci sono modelli online interessanti da vedere, tra cui quello che sto provando io, per aiutare me stesso ed i miei consimili a guadagnare senza dover sgobbare sino nella vecchiaia.

L’epoca ci obbliga un po’ tutti a diventare imprenditori: e il massimo per chi lavora in campo spirituale sarebbe trovare modo di farsi pagare senza lavoro che impegna il tempo. Ci sono diversi modi per farlo, e in particolar modo colla vendita per mezzo di internet, per mezzo dell’investimento immobiliare (ma bisogna aver capitali), per mezzo della vendita di prodotti via MLM, scrivendo e pubblicando libri, ecc.

Il guaio è che per proteggersi dalle fluttuazioni dei mercati vari, ci si è obbligati di farne diversi: i tempi vogliono (è destino) che non c’è modo di farsi pagare per quello che facciamo come lavoro interiore. Dunque propongo che ci associamo in gruppi per vedere quello che possiamo mettere in piedi tra di noi. Contattarmi direttamente per proposte concrete.


Il ruolo del destino
Il materialismo dove l’umanità dorme è stato necessario ma l’ora del risveglio è giunta. Ma tutto dipende dal come si sveglia: eticamente o no, ovvero collegati col Logos oppure no.

Esiste già, e si svilupperà ancora l’interfaccia tra uomo e macchina: questo è pure destino. Esempi concreti ne sono l’internet e le diverse funzioni di macchine (come negli arti artificiali ecc.).

Ma come si usa l’internet, per esempio, come sopra per permetterci di lavorare di più interiormente, per diffondere contenuti di scienza dello spirito o per vedere porno o per trovare vittime per i nostri prossimi crimini, da bravi terroristi o spacciatori di droghe varie: ecco l’ambito del nostro libero arbitrio.

Poi viene come ci si collega collo spirito per chiamarlo in aiuto: ecco un campo minatissimo. Si può pregare per sé (a chi? – l’angelo custode o si disturba il Logos per ogni piccola bega?) Anche questo dipende dalla nostra etica.

Steiner dice ci avverrà la spiritualizzazione della medicina: posso domandare con che scopo? Per far soldi o per aiutare il prossimo? Non è possibile continuare a fare compromessi come al presente dove l’industria dei farmaci compromette l’etica medica.

Ci sarà anche la spiritualizzazione del ambito della nascita (e qui il contributo dell’opera di massimo Scaligero sul sacro amore/Graal è importantissimo) e dell’educazione (in questo campo conta il lavoro fatto nelle scuole Waldorf).

Rimane anche la questione della spiritualizzare la vita economica: come? Importa moltissimo il come. Suggerisco di usare l’impulso di fratellanza che viene forgiato da chi lavora insieme interiormente, in nuove collaborazione economiche, come sopra.


Contro misure al male
Non possiamo rimanere a torcerci le mani davanti al male: sappiamo tutti che bisogna agire, e non rimane ancora tanto tempo per riflettere.

Possiamo agire ispirandoci dal coraggio di un poliziotto all’aeroporto di Istanbul durante la strage di poco fa: secondo le testimonianze, questo avendo individuato un bombardatore suicida, si è lanciato addosso per abbracciarlo prima che facesse scoppiare la cintura.

Così facendo è morto pure lui, ma molte altre persone hanno sopravvissuto perché ha diminuito la forza del botto. Se ci troviamo in circostanze simili, potremmo fare altrettanto, e poi, da defunti, dare una mano alle altre vittime ad adattarsi a quello che trovano dall’altra parte (tra cui anche i bombardatori che invece del paradiso islamico si trovano confrontanti a più anime adirate).

Ci vuole, è ovvio, la preparazione del vero lavoro interiore etico e giusto della scienza dello spirito, fatto senza scopi personali, da individui liberi. Ecco perché il destino ci ha portato davanti a questi contenuti, perché tocca a noi agire. E poi non abbiamo altri a disposizione se non noi stessi.

Non c’è bisogno di ortodossia ne di costrizione alcuna, ma solo di lavoro effettivo. Tutte le più belle meditazione ed i migliori esercizi non servono se non si danno. Il bicchiere d’acqua non bevuto non disseta.

Tutto questo deve essere messo in avanti e pubblicato, così da fungere da contrappeso al male, sino a che la bilancia non verrà a cadere dall’altra parte, e le forze avverse saranno sconfitte dal Logos in noi.

Ricordiamo che il Logos è il vero guaritore del male; ma che il male è sempre causato dagli uomini. Se noi non sappiamo metterlo in moto, se ne occuperà il destino, per mezzo della sofferenza come in per ogni lezione che non siamo capaci di apprendere: come la fiamma che brucia il dito che non lo sa ancora.

Solo che allora ci saranno altre vittime innocenti (e queste rischiano lo sfruttamento come sopra, anche da defunti): intensifichiamo il lavoro appunto per loro, e preghiamo che non toccherà a noi sacrificarsi morendo per mettere un termine a queste tecniche del male.

Ci sarà anche un prezzo da pagare per chi si sacrifica nella lotta contro i nemici dell’uomo: che sarà pagato in diffamazioni, in rovine finanziarie e burocratiche, e nell’impiego di tutte le armi sopraindicate contro di noi. Ma uomo avvisato….

Occorre rinnovare l’astrologia che è inadatta nella forma odierna. Bisogna cercare le forze del mattino e della sera, dei pesci e della vergine che portano il bene. Si possono confrontare alle forze accecanti del mezzogiorno e quelle oscure della mezzanotte, per ritrovare la luce mite e colorata che non solo è tollerabile, ma che rende tutto più bello.

Ci saranno le macchine benefiche che portano una certa intelligenza in se per portare un po’ del peso del lavoro degli uomini, ma per questo si deve anche vegliare che l’uomo non sia tentato da quanto viene dalle macchine: segnalo che esisto e si perfezionano i robot ad uso sessuale…che ovviamente servono solo ad estrarre potenza da chi li usa (sempre da ignari).

I defunti devono poter operare secondo i propri impulsi, e non costretti. Per questo si può proporre una collaborazione con i propri defunti, invitandoli e non costringendoli. Per l’attentato recente di Nizza, ho chiesto in aiuto i miei defunti personali che si sono portati volontari in modo molto efficace, come tra l’altro quegli collaboratori sulla via della scienza dello spirito che conoscevo (chiaramente in modo ancora più efficace). Poi, quando toccherà a noi andare nel mondo tra la morte e una nuova vita. Ci sarà sicuramente molto lavoro ancora da fare…

Infine, si deve evitare l’esempio della selezione darwiniana nell’umano, non solo nell’ambito economico come sopra, ma in ogni sfera. Ricordiamo le selezioni di Auschwitz? Evitiamo lo stesso in ogni sfera, cercando di accogliere gli esclusi, che sono la fonte della contestazione armata di questi tempi, offrendo loro la soddisfazione di una vita degna di essere vissuta.

Una tale vita può essere proposta per mezzo del cammino di auto-perfezionamento che appunto, noi portiamo. Dobbiamo pubblicarlo, renderlo noto specie ai disperati, che ne hanno grandissimo bisogno, appunto per realizzarsi.

Nessuno si realizza meglio, se non incarnando il Logos che è il segreto nocciolo al centro dell’Io individuale, sviluppando le virtù non astrattamente, ma per libera iniziativa, e vivendo una vita che tende al vero immortale, anziché al falso pubblicato ovunque.

Il tempo è giunto per evitare il prolungamento degli impulsi del fine 700, per mezzo della dipendenza economica. Quelli erano adatti prima della precipitazione dei demoni nell’ambito della terra, per la presente lotta col male che ci occupa, che ebbe luogo nel 1879. Promulgarli ora è un anacronismo, che per definizione è un male, che non ci prepara alle reali circostanze nelle quali viviamo.


In termini concreti – ad ogni attentato
Anzitutto:
Prepararsi per mezzo dei cinque esercizi, meditazione, rivista di memoria, percezione pura, preghiera ecc. Favoreggiare in particolare l’esercizio del sole di mezzanotte, e lavorare la continuità della coscienza: avendo idealmente raggiunto come minimo il livello ispirato.

Poi:

1 Provare a mettersi in relazione nello spirito con i nuovi defunti per “prendere contatto”. La tecnica riguarda meditare le persone, immaginandoli bagnati nella luce, nel loro essere migliore.

Attenzione, questo rischia di essere stressante per coloro che non ci hanno ancora l’abitudine … tensioni d'anima enormi, de sentimenti molto negativi, paura ecc.

2 Fare in meditazione la preghiera data da RS per i caduti in guerra durante 28 giorni.

“Die Ihr wachet über Sphären-Seelen,
Die Ihr webet an des Sphären-Seelen,
Geister, die Ihr über Seelenmenschen schützend
Aus der Weitenweisheit liebend wirkt:
Höret unsre Bitte, schauet unsre Liebe,
Die mit Euren helfenden Kräfterströmen sich
Einen möchten, geisterahnend, liebestrahlend.”

Voi che vegliate selle anime nelle sfere,
Voi che tessete attorno alle anime nelle sfere,
Spiriti, che lavorate sulle anime delle sfere proteggendole
A partire dalla saggezza cosmica, amandole:
Ascoltate la nostra preghiera, guardate il nostro amore,
Che possa unirsi con le correnti di vostro aiuto potente 
Intuendo lo spirito, irradiando amore.

3 Associare i defunti alle nostre letture spirituali – semplicemente, immaginandoli leggendo accanto a noi.

Questo dovrebbe iniziare subito: c’è urgenza sennò i materialisti che non hanno avuto il tempo per ravvedersi saranno vittime una seconda volta.


4 Coinvolgere i nostri defunti personali nell’aiuto alle vittime. Essendo già passati oltre, sanno come fare, ma naturalmente si agisce solo per invito, senza costrizione. Allo stesso modo si può, per mezzo della preghiera, domandare all’angelo custode di domandare ai suoi colleghi di intervenire per loro (quelli dei convolti saranno già in attività). Infine, chi ha contatto con Michele, Arcangelo dell’epoca nostra, potrà anche domandare il suo aiuto.

In sintesi, l’insieme di queste iniziative aiuto a calmare rapidamente i danni immediati: con poi un lavoro di continuità di coscienza che potrà, a lungo andare, aiutare ancora di più i coinvolti, che a loro turno potranno diventare aiutatori volontari in casi simili.

5 Per guarire però il fondo della questione, bisognerebbe pubblicare quanto sappiamo noi su quello che succede nella vita ed aiutare, soprattutto i giovani di qualsiasi origine che stanno nello nostra cultura, a superare le crisi della vita.

Ognuno è sempre confrontato a problemi dei più vari, ed essere scartati e messi da parte come giovani disoccupati non aiuta certo. Dovremmo prender l’iniziativa per fondare gruppi per aiutare i giovani in particolare (perché sono loro che si fanno vittime di tutto il montaggio rivelato) per trovare il vero significato della propria vita.

I giovani sono coloro che dobbiamo contattare, perché sono loro gli alienati, e specie gli immigrati che arrivano in forza in Europa…

È questo il vero lavoro radicale che rimane tutto da fare, e proporrò prossimamente un inizio in questa direzione. Chiunque si vuole portare volontario per collaborare mi contatti.


In extremis – se coinvolti nell’attentato
1) Correre come dicevano di fare i poliziotti francesi a Nizza il 14/7/2016
2) Abbracciare il truce destino con eroismo, come il poliziotto turco citato
3) Semplicemente combattere come gli Americani fecero sul treno TGV dal Belgio circa due anni fa (bisogna essere più di uno).